Sabato, 05 Dicembre, 2020

Filippine, erutta vulcano Taal: 450mila evacuati. La Farnesina: "Evitate gli spostamenti"

AP  LaPresse AP LaPresse
Evandro Fare | 13 Gennaio, 2020, 12:06

Il livello di allerta diramato dall'Istituto di Vulcanologia e Sismologia delle Filippine è sul 4; il massimo livello è il 5, che significa che l'eruzione esplosiva è in corso. Una persona sarebbe morta, come riporta la stampa locale, ma si attendono conferme. I sismologi hanno rilevato che il magma si stava spostando verso il cratere di Taal, uno dei vulcani più attivi del paese situato a 65 chilometri a sud di Manila.

SITUAZIONE DI EMEREGENZA, EVACUAZIONI DI MASSA - Si temono eruzioni esplosive ancora più violente nelle prossime ore, pertanto le autorità delle Filippine hanno disposto evacuazioni di massa e in larga scala, fino a mezzo milione di persone vicino alla Capitale Manila.

Dopo le scosse di terremoto e la cenere, dunque, il vulcano Taal ha iniziato a emettere lava dai fianchi a partire dallo scorso sabato, facendo innalzare sempre di più il livello di allerta.

L'ultima eruzione registrata, del vulcano attivo, risale al 1977: una nuova eruttazione è stata registrata oggi, circa 43 anni dopo. Nel gennaio 2018, decine di migliaia di persone hanno dovuto essere evacuate a causa di un'eruzione del Mont Mayon, nella regione centrale di Bicol.

Il vulcano Taal continua ad eruttare.

Le colonne di cenere hanno raggiunto 15 chilometri di altezza.

Proprio per questo la Farnesina, sul sito Viaggiare Sicuri, ha emesso un avviso per tutti gli italiani che si trovano nel Paese asiatico per motivi di lavoro o in vacanza. L'aeroporto internazionale di Manila Ninoy Aquino ha sospeso temporaneamente tutti i voli.

Il vulcano Taal si trova sulla costa occidentale della grande isola di Luzon nella parte settentrionale dell'arcipelago delle Filippine.

Altre Notizie