Sabato, 23 Gennaio, 2021

L'Italrugby cede nel Sei Nazioni alla Francia per 35-22

L'Italrugby cede nel Sei Nazioni alla Francia per 35-22 L'Italrugby cede nel Sei Nazioni alla Francia per 35-22
Iona Trifiletti | 11 Febbraio, 2020, 20:51

Un passo avanti rispetto al disastroso esordio contro il Galles, ma ancora un ko.

Italia non travolta, dunque, ma la realtà dei fatti non cambia: dallo Stade di St. Denis arriva la notizia della 24/a sconfitta consecutiva dell'Italrugby nel Sei Nazioni, torneo in cui gli azzurri non vincono dal febbraio 2015. Nel momento migliore dei Bleus, però, gli Azzurri riescono a riportarsi in partita grazie a una bella meta di Matteo Minozzi e ai calci tra i pali di Tommaso Allan.

Polledri e capitan Bigi si sacrificano placcaggio dopo placcaggio ma sono tutti gli uomini mandati in campo da Smith a non mostrare alcuna intenzione di arrendersi nemmeno quando la gara sembra ormai compromessa. Minozzi e Allan (meta, trasformazione e punizione) cercano di riaprire i giochi ma proprio allo scadere i padroni di casa sono riusciti a fissare il punteggio sul 23-10. L'Italia non sbanda, anzi reagisce e cinque minuti più tardo Zani, da poco entrato per Bigi, finalizza una serie di pick-and-go tocca alla base del palo. Un trend che si spera di vedere interrotto sabato 22, all'Olimpico, contro la Scozia: sarà l'unica chance di successo nel Sei Nazioni 2020 (proibitive le altre sfide contro Irlanda e Inghilterra).

FRANCIA: Bouthier; Thomas, Vincent, Fickou, Rattez; Ntamack (30' st. Jalibert), Dupont (30' st. Serin); Alldritt, Ollivon (cap), Cros (20' st. Woki); Willemse (3' st. Taofifenua), Le Roux (30' st. Palu); Haouas (19' st. Bamba), Marchand (20' st. Mauvaka), Baille. Allan (13-10); 32' cp. A seguire risultato fissato da Serin (meta) e Jalibert (trasformazione) per la Francia e da Bellini (meta) per l'Italia. Note: giornata ventosa e fredda, 52.000 spettatatori circa.

Altre Notizie