Martedì, 01 Dicembre, 2020

Coronavirus, il racconto di Reina: "Come un camion passato addosso"

Pepe Reina Aston Villa Pepe Reina
Iona Trifiletti | 25 Marzo, 2020, 18:40

Qui in Inghilterra non si fanno i test e questo non può che essere un problema, ma adesso sto bene.

L'ex portiere del Napoli, Pepe Reina, attualmente all'Aston Villa ha rilasciato alcune dichiarazioni a Rai Sport. E' bruttissimo, sembrava mi fosse passato addosso un camion.

Pepe Reina non ha avuto riscontri ufficiali di essere stato contagiato dal Coronavirus ma la sintomatologia riscontrata è stata quella del Covid-19. "Seguo tutto quello che succede sia in Spagna che in Italia, sono momenti difficili e siamo tutti preoccupati".

L'emergenza Coronavirus si è abbattuta su tutta l'Europa. Dobbiamo rispettare le norme di sicurezza, la cosa triste è vedere i tuoi cari che se ne vanno senza avere la possibilità di salutarli un'ultima volta. "Le porte chiuse? Per me non hanno senso, però bisogna scegliere ciò che è più salutare e sicuro per tutti". È difficile pensare di giocare di nuovo. "Capisco che ci siano grandi interessi economici in gioco, ma è uguale in tutti i settori e il calcio non è quello più importante".

Sta vivendo l'isolamento in casa e in famiglia, ma Reina riconosce di farlo con tanti comfort: "Noi calciatori siamo dei privilegiati - spiega - per me è facile restare in quarantena, abbiamo una grande casa con un giardino e viviamo in una strada con soli quattro vicini: possiamo anche fare attività fisica. Le persone che hanno veramente i "cojones" sono quelli che vivono in un appartamento di 70 metri quadri con tre bambini, loro sono degli eroi".

Altre Notizie