Giovedi, 03 Dicembre, 2020

Australia: marinai naufragati salvati da 'Sos' sulla sabbia

Immagine simbolo Immagine simbolo
Evandro Fare | 04 Agosto, 2020, 17:51

Tre marinai, rimasti bloccati su una minuscola e remota isola del Pacifico occidentale, sono stati salvati dopo che i soccorritori hanno avvistato il loro messaggio "SOS" sulla spiaggia. Non è la sceneggiatura di un romanzo per ragazzi o di un filmetto estivo, ma la disavventura capitata a tre uomini che il 30 luglio scorso erano partiti da Poluwat, atollo degli Stati Federati di Micronesia, con l'intento di raggiungere Pulap, un altro atollo micronesiano che si trova a 40 km di distanza in direzione nord est. Sono andati fuori rotta e hanno esaurito il carburante, giungendo alfine sulla piccola e disabitata isola di Pikelot, a 190 chilometri dalla destinazione prevista, stando a quanto riferisce la Cnn.

Storia a lieto fine per tre naufraghi della Micronesia, dispersi da tre giorni dopo che l'imbarcazione di 7 metri sulla quale viaggiavano aveva finito il carburante. "Eravamo verso la fine del nostro giro", ha detto nel post il pilota del KC-135, il tenente colonnello Jason Palmeira-Yen. "Da lì abbiamo chiamato l'esercito australiano perché avevano due elicotteri nelle vicinanze che potevano sbarcare sull'isola". Lo ha confermato l'Australian Defence Force (ADF). Nel frattempo, la guardia costiera statunitense dalle Hawaii si è messa in contatto radio con una nave di pattuglia micronesiana inviata da Yap. "Solo così siamo stati in grado di salvare tre membri della nostra comunità e riportarli a casa dalle loro famiglie". Il capitano Terry Morrison, comandante della nave Canberra, ha elogiato il suo equipaggio: "Sono orgoglioso della risposta e della professionalità dimostrata da tutti a bordo", ha affermato.

Altre Notizie