Martedì, 01 Dicembre, 2020

Bonus POS: il Governo lavora a un incentivo per chi paga contactless

Decreto Agosto bonus Pos cos'è e come funziona nuovo bonus bancomat Arriva il bonus per chi acquista con bancomat e carte di credito
Quartilla Lauricella | 05 Agosto, 2020, 17:23

Governo al lavoro al decreto agosto. E' l'idea alla quale sta pensando il governo che punta a stanziare almeno due miliardi con il prossimo decreto di agosto, ma c'è già un pressing per portare la dote a 3, per spingere i consumi e dare un po' di ossigeno alle attività più colpite, come bar, ristoranti, negozi di abbigliamento e di elettrodomestici.

Bonus Pos: arriva uno sconto per chi paga con la carta.

Il meccanismo del bonus-consumi, oggetto di una riunione domenicale al ministero del tesoro, prevede di condizionare l'incentivo agli acquisti all'utilizzo di carte di credito e bancomat, ritenute utili per favorire la tracciabilità e la lotta al "nero".

Ancora da stabilire il meccanismo di sconto: si immagina un rimborso di parte della spesa sostenuta (con un tetto massimo) accreditato direttamente sul conto del consumatore.

In queste ore si sta quindi cercando una sintesi delle varie proposte - il Cdm è previsto in settimana, probabilmente giovedì - cui si aggiunge quella, allo studio del Mise, per puntellare anche il settore dell'abbigliamento e degli elettrodomestici. In prima linea saranno presenti gli sconti per chi andrà al bar o al ristorante proposti dal viceministro dell'Economia e delle Finanze Laura Castelli. Il ministro dei Beni Culturali Franceschini invece vorrebbe aiutare gli esercizi commerciali dei centri storici ormai deserti.

Dello stesso avviso la Ministra dell'Agricoltura Teresa Bellanova che per i ristoratori, duramente colpiti dalla chiusura imposta dal Covid19, propone un fondo da 1 miliardo di euro per sostenere tutta la filiera dei prodotti agroalimentari Made in Italy. Dopo il bonus bicicletta, il bonus edilizia e il neonato bonus rottamazione, si aggiunge ora alla famiglia il Bonus Pos. L'intero Decreto Rilancio destinerà circa dieci miliardi alla cassa integrazione e due alle altre misure per il lavoro, quattro al fisco, 1,3 alla scuola, quattro/cinque a Comuni e Regioni e un miliardo al fondo di garanzia delle Piccole e medie imprese.

Altre Notizie