Giovedi, 03 Dicembre, 2020

Coronavirus, Brusaferro: "Le misure servono per raffreddare la curva"

Covid record di contagi in Italia quasi 22 mila. Vittime sono 221 Ricciardi e Brusaferro su lockdown a Napoli e Milano: "Necessario"
Moreno Priola | 29 Ottobre, 2020, 02:32

E' la raccomandazione del presidente dell'Istituto superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, in conferenza stampa al ministero della Salute. Gli ultimi dati del ministero della Salute fotografano dunque, in linea con il resto d'Europa, un andamento della pandemia in peggioramento, che oggi segna altre 205 vittime. Nei reparti ordinari ci sono ora 14.981 pazienti, con un incremento di 1.026.

Il trial, in cui "sono coinvolti 79 centri clinici e 88 centri trasfusionali", prevede "l'arruolamento di 474 pazienti ma ha avuto rallentamento in parte dovuto al fatto che in estate, fortunatamente, il numero di casi di persone con infezione grave è decresciuto ed è stato limitato". Al primo posto sempre la Lombardia con 5.036, poi la Campania con 2.761 nuovi casi e il Piemonte con 2.458 contagi.

( Regioni.it 3938 - 28/10/2020) "L'epidemia è oggi largamente diffusa in tutta l'Italia e non più localizzata".

"Se ci sono 20-22 nuovi mila casi al giorno si fa fatica a tracciare", ha sottolineato, ricordando che "in tutte le regioni l'indice di contagio Rt è superiore a 1, aumenta il numero dei casi e le risorse fanno fatica a soddisfare il tracciamento", e richiamando al "senso di responsabilità".

Se all'inizio dell'epidemia l'infezione colpiva maggiormente le persone anziane e nel periodo di agosto i trentenni, ora l'età media dei contagiati si attesta attorno ai 40 anni. Se il numero di contagi "è eccedente e non si può più fare, si adottano misure per ridurre il numero dei positivi sotto la soglia, con una fase di contenimento e mitigazione".

Possibili novità anche sul fronte dei test diagnostici: Brusaferro ha annunciato che dovrebbe uscire nei prossimi giorni un documento specifico sull'utilizzo dei test per individuare la positività al Coronavirus. "La realtà dei test oggi vede come golden standard il tampone molecolare. La ricerca tecnologica però è molto rapida e penso che nelle prossime settimane potremo disporre di ulteriori test ancora più facili da usare e questo tipo di test sicuramente sarà una grande agevolazione", spiega. I download salgono invece a quota 9, 36 milioni. Visto l'allarmismo dilagante è importante che sia proprio l'Iss a sottolineare, numeri alla mano, questi aspetti. "Pensiamo che con la situazione attuale si possa raggiungere la soglia definita in tempi più rapidi".

Altre Notizie