Domenica, 25 Ottobre, 2020

"I Marmi Torlonia", 14 sale ai Musei Capitolini con 620 sculture

In mostra a Roma i marmi della Collezione Torlonia, un patrimonio che guarda al futuro e alla condivisione - Roma Torlonia, i marmi mai visti: 92 capolavori in mostra a Villa Caffarelli
Calogero Calderone | 16 Ottobre, 2020, 11:29

"Collezionare Capolavori sono il suggello di un metodo progressivo, che assicura la trasmissione di una componente essenziale della nostra identità culturale, alle nuove generazioni".

Sono 92 le opere selezionate tra i 620 marmi catalogati e appartenenti alla collezione Torlonia, la più prestigiosa collezione privata di sculture antiche esistente al mondo.

Roma, 12 ottobre 2020 Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha partecipato alla cerimonia di inaugurazione della mostra "I marmi Torlonia".

Una spettacolare e attesissima esposizione ospitata negli spazi dei Musei Capitolini a Villa Caffarelli, tornati alla vita dopo oltre cinquanta anni, che vengono inaugurati proprio per questa occasione. Da parte dello Stato non ci saranno forzature. E' una fortuna che contiene un racconto e una promessa. La promessa si basa sull' accordo del 2016 tra la Fondazione costituita dal secondo principe Alessandro Torlonia e il MIBACT che prevede la riapertura del Museo Torlonia a Roma. Erano presenti il Ministro per i beni e le attività culturali, Dario Franceschini; il Sindaco di Roma Capitale, Virginia Raggi; il Direttore dei Musei Capitolini, Claudio Parisi Presicce; il Presidente della Fondazione Torlonia, Alessandro Poma Murialdo; Salvatore Settis, curatore della Mostra.

Fondamentale qui era far sì che l'allestimento non prevalesse sulle opere ma coadiuvasse la linea concettuale e narrativa della mostra, rendendola leggibile a tutti, specialisti e visitatori. Ciascuna delle opere meriterebbe di essere vista da sola ma tutte insieme costruiscono un racconto completo e interessante, senza dimenticare tuttavia che quello che vedremo lungo il percorso e' un 15% della raccolta. Acquisti dedicati alla gloria della famiglia Torlonia.

"Per Bvlgari - ha sottolineato l'Amministratore Delegato Jean Christoph Babin - si è trattato di un omaggio alle radici greche e romane dell'azienda, nel quadro delle molteplici iniziative di mecenatismo per la Città Eterna promosse da diversi anni a questa parte".

Finita la mostra ai Musei Capitolini, è previsto un tour dei marmi Torlonia in giro per il mondo, ma le tappe non sono ancora state definite. A seguire, riflettori puntati sui ritrovamenti ottocenteschi nella proprietà Torlonia, sugli esiti del collezionismo settecentesco, sulla raccolta secentesca di Vincenzo Giustiniani e infine sulle opere di cui è documentata la presenza in raccolte del Quattro e Cinquecento.

La quarta propone invece pezzi dalla famosissima raccolta di Giuseppe Giustiniani costituita nel Seicento. "Siamo molto orgogliosi di avere un ruolo nella storia della Collezione Torlonia e in un lascito che andrà oltre noi e il nostro tempo". Consiste in pavimentazioni e plinti che emergono a diverse altezze, come estrusioni delle pavimentazioni continuee, composti in mattoni realizzati a mano da argilla grigio scuro, un riferimento alle antiche architetture romane in laterizio e alle fondazioni in pietra dellAedes Iovis Optimi Maximi Capitolini, il grande edificio esistito in Campidoglio, sottostanti Villa Caffarelli.

E ancora l'Hestia Giustiniana, una replica di eta' Imperiale, perfettamente conservata, di un bronzo del 460 a.C.; la statua con Ulisse sotto un ariete, anche questo di eta' Imperiale, che raffigura l'eroe greco mentre fugge dalla caverna di Polifemo; e Invito alla Danza, una superba ninfa di eta' Imperiale in procinto di alzarsi e iniziare a ballare.

La Fondazione Torlonia ha restaurato i marmi selezionati con il contributo di Bvlgari che è anche main sponsor della mostra. Scopriamo, quindi, tutte le informazioni per ammirare questi capolavori. "Abbiamo individuato possibili sedi, in particolare Palazzo Rivaldi, davanti al Colosseo, sopra i Fori", ha annunciato il ministro dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, Dario Franceschini. "Intanto alla conferenza Stato Regioni abbiamo già deliberato lo stanziamento di 40 milioni di euro per la ristrutturazione di Palazzo Silvestri-Rivaldi di Roma che potrebbe essere idoneo a ospitare il Museo", dice.

Altre Notizie