Mercoledì, 02 Dicembre, 2020

Calabria, Zuccatelli si è dimesso. In campo Gino Strada

Zuccatelli si è dimesso da commissario della Sanità in Calabria cosa succede ora Sanità, si dimette Zuccatelli: Governo verso la nomina del nuovo commissario
Moreno Priola | 17 Novembre, 2020, 04:23

Nel giro di poco tempo la Calabria si trova costretta a dover cambiare nuovamente il commissario alla Sanità.

Le dimissioni di Zucattelli erano comunque nell'aria, se non altro perché da più parti all'interno della maggioranza crescevano le pressioni per far sì che il commissario rinunciasse all'incarico. Ma vorrei che si tenesse in considerazione che per mesi è stato detto tutto e il contrario di tutto. "Mi sono dimesso da Commissario ad acta della sanità della Regione Calabria", ha confermato al Corriere della Sera, aggiungendo: "Me l'ha chiesto il ministro della Salute Roberto Speranza e come avevo già anticipato durante l'intervista a Buongiorno regione, ho rassegnato le dimissioni". Un video che nei giorni scorsi aveva provocato accese polemiche. Quel video era un'iperbole. L'esempio? I 5 Stelle fanno il nome di Gino Strada e Spirlì ribatte: "la Calabria non ha bisogno di missionari africani; Gino Strada non c'entra nulla con la nostra realtà; la Calabria è una regione con fior di professori e, pertanto, non vuole essere schiavizzata". Stamattina, il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, aveva rivolto un appello a Giuseppe Conte: "Se davvero è disponibile a fare il commissario per la sanità in Calabria, il Presidente del Consiglio e il Ministro della Sanità possono fare una sola cosa per rimediare al pasticcio Cotticelli/Zuccatelli: firmare oggi stesso la nomina di Gino Strada a commissario per la sanità in Calabria", ha scritto Renzi su Facebook. La sua nomina non farebbe gli interessi privati di nessuno. "Scegliamo la strada dell'unità, scegliamo Gino Strada". "Sono abituato a comunicare quando faccio le cose - a volte anche dopo averle fatte - quindi mi trovo a disagio in una situazione in cui si parla di qualcosa ancora da definire". Nessuna recriminazione da parte di Strada nei confronti del governo, che una settimana fa gli aveva proposto un impiego "in prima persona per l'emergenza sanitaria in Calabria".

Zuccatelli ha aggiunto che intende lasciare inoltre "tutti gli incarichi che ho in Calabria". Sarebbe questa, a quanto apprende l'Adnkronos, la decisione verso cui sarebbe orientato il governo - spiegano autorevoli fonti - mentre la nomina di commissario verrebbe affidata all'ex rettore dell'università Sapienza Eugenio Gaudio.

Altre Notizie