Sabato, 16 Gennaio, 2021

Governo, Renzi "Non sono io a chiedere la conta in Aula"

Renzi: “Conte e Casalino vogliono asfaltarmi in Parlamento? Spero abbiano fatto bene i conti” Renzi: “Casalino vuole asfaltarmi in Aula? Lui e Conte facciano bene i calcoli”
Quartilla Lauricella | 11 Gennaio, 2021, 18:40

"Io non ho mai chiesto la conta in Aula". Io non so dire se ci hanno dato ragione.

"Approviamo questo benedetto Recovery", incalza Renzi. In questo scenario non me ne frega niente delle poltrone, Io dico solo non buttiamo via i soldi che non torneranno mai più: "209 miliardi del Recovery Fund, 36 del Mes, 20 miliardi di Sure e i soldi della programmazione europea, se li butti via distruggi il Paese, quindi noi diciamo "o li spendiamo bene oppure spendeteli senza di noi", non vogliamo mezza poltrona, non facciamo mezza polemica, ma se devo spendere i soldi dei miei figli e dei miei nipoti, voglio avere la coscienza pulita". "Su questi temi è possibile essere accusati come irresponsabili?". Anzi a Conte diciamo: 'Corri, presenta il Recovery, presenta i ristori'. Ieri hanno detto di chiudere i bar dopo le 18 non permettendo l'asporto.

L'ex premier minimizza sulle ricostruzioni della stampa in merito alla conta in Aula e a quanto avrebbe dichiarato il portavoce del premier. Io - ha spiegato Renzi - ho proposto dei contenuti e se la reazione di Conte e dei suoi collaboratori è 'andiamo in aula e li asfaltiamo', io spero soltanto che hanno fatto bene il conto dei numeri. Ci vediamo in Senato.

Non manca poi il solito richiamo al prestito-trappola Ue. Io sono antipatico, non guardate me, ma guardiamo la sostanza. Se non prendiamo questi soldi, da dove li prendiamo i soldi della sanità? "Allora spendiamoli, servono da morire alla nostra gente".

Infine, Renzi cita anche Mattarella: "Il presidente della Repubblica ha detto parole che condividiamo, ma suggerisco di non tirarlo per la giacchetta. Ma in Italia il presidente è un arbitro, non dice a un dirigente politico quello che deve fare".

Anche il Pd intanto vuole che il presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte "faccia presto" per ricostruire insieme in un momento in cui la crisi dell'economia nazionale, dovuta al blocco delle varie attività per il contrasto alla pandemia del Coronavirus, è forte e grava sulle tasche dei cittadini italiani.

Altre Notizie