Пятница, 07 Мая, 2021

Covid Veneto, Zaia: "Oggi 930 contagi". Dati 20 aprile

Zaia preoccupato per la riapertura delle scuole: “Non ci sono gli autobus sul mercato per la didattica in presenza al 100%” Tacconelli: «Monoclonali, Verona guiderà lo studio nazionale. Danni psicologici ai ragazzi per troppo tempo in dad»
Bortolo Musarra | 20 Апреля, 2021, 17:35

"Spero che il Governo ci ripensi".

C'è la dottoressa Evelina Tacconelli, responsabile del reparto di malattie infettive dell'azienda ospedaliera di Verona, che sta per prima utilizzando le cure con gli anticorpi monoclonali.

La percentuale dei positivi al Covid sui tamponi effettuati è del 4,61%. Gli attualmente positivi sono 26.522. 264 sono in terapia intensiva, 1.495 in area non critica.

"Ne veniamo fuori, ma guai abbassare la guardia". Il virus c'è ancora però. Sui vaccini abbiamo finito con gli over 80, stiamo facendo i fragili e cerchiamo di chiudere gli ultrasettantenni.

"Dal 26 aprile si riapre: ci vuole massima attenzione".

"Abbiamo 2.700 mezzi schierati per un'apertura con il 50% in Dad e 50% di coefficiente di riempimento degli autobus - ha affermato Zaia - Ci vogliono 2.700 mezzi, che fanno 24 mila corse al giorno, ai quali abbiamo dovuto aggiungere 500 mezzi dei privati e 230 assunzioni degli steward a terra per riuscire a malapena a gestire il 50% del coefficiente di riempimento degli autobus". "Uno dei punti nevralgici è quello del trasporti perché non può passare l'idea che non ci siamo organizzati ma è impossibile trovare sul mercato questi mezzi sia su gomma che su rotaia". "Faccio un appello al governo affinché prenda in mano la situazione".

"Nei mesi di febbraio e marzo 2021 non abbiamo avuto un aumento di mortalità confrontandoli con gli stessi periodi antecedenti al 2020".

Gli anticorpi monoclonali si possono somministrare a pazienti che hanno sviluppato da poco la malattia e hanno fattori di rischio che possono portare a un'evoluzione grave.

"Scuola in presenza al 100%?" Se il personale della scuola è nella maggior parte vaccinato, con il sistema delle scuole sentinella, "sarei tendenzialmente favorevole al ritorno in presenza. Se tutto continua a funzionare così bene mi sembra più utile riaprire che non riaprire".

Altre Notizie