Среда, 27 Октября, 2021

È morta Carla Fracci, l’eterna étoile della Scala di Milano

Ore di ansia per la signora della danza italiana aveva nascosto finora le sue condizioni Ore di ansia per la signora della danza italiana aveva nascosto finora le sue condizioni
Evandro Fare | 27 Мая, 2021, 12:50

Grave la situazione in cui verte l'84enne maestra della danza italiana, Carla Fracci. Con la sua grazia ha saputo dare forma e spessore a personaggi femminili memorabili come Giselle, La Sylphide, Giulietta, Swanilda, Francesca da Rimini e Medea.

La leggera e leggiadra "Carlina" ha calcato centinaia di palchi, affiancata dai più grandi interpreti della danza mondiale, come Rudolf Nureyev, Vassiliev, Baryshnikov, Bortoluzzi, Murru e Bolle. Il suo debutto avvenne al teatro Piermarini, che ha dato il via ai teatri più importanti di tutto il mondo. La vita dell'"eterna fanciulla danzante", classe 1936, cresciuta orgogliosamente "tra i contadini, nelle campagne vicino Cremona, libera, tra molti affetti e necessità concrete, con radici ben piantate nella terra", l'"Eterna fanciulla danzante" è indissolubilmente legata a Milano e al teatro della Scala, dove ha iniziato i propri studi di danza classica all'età di 10 anni, per esordire sul palco nel 1955 in Cenerentola.

Alla fine degli anni ottanta dirige il corpo di ballo del Teatro San Carlo di Napoli, mentre dal 1996 al 1997 il corpo di ballo dell'Arena di Verona. Dal giugno 2009 al 2014 è assessore alla Cultura della Provincia di Firenze e nel 2015 Ambasciatrice di Expo Milano. Nel 2018 riceve il Premio nazionale Toson d'oro di Vespasiano Gonzaga e il 19 settembre 2020 quello alla carriera da parte del Senato della Repubblica Italiana.

Altre Notizie