Sabato, 25 Settembre, 2021

Navalny, per Putin "ha violato legge". Biden: "Se muore, conseguenze"

La stanza di villa La Grange a Ginevra dove il 16 giugno 2021 si svolge l’incontro tra Vladimir Putin e Joe Biden La stanza di villa La Grange a Ginevra dove il 16 giugno 2021 si svolge l’incontro tra Vladimir Putin e Joe Biden
Evandro Fare | 17 Giugno, 2021, 15:06

Dopo oltre quattro ore di colloqui, è toccato a Putin tenere la propria conferenza stampa, mentre Joe Biden terrà la sua successivamente. "È stato trovato un accordo con gli Usa per il ritorno dei rispettivi ambasciatori nei due Paesi", ha confermato ai media il capo del Cremlino. Un primo colloquio "positivo", come detto dallo stesso presidente americano, iniziato con una stretta di mano, un'eccezione alle regole anti Covid, ma anche un segno di buon auspicio per un incontro atteso da mesi alla luce dei rapporti tesi tra i due Paesi e di quello scambio ad alta tensione del marzo scorso, quando Biden definì il collega un assassino. Se il dissidente dovesse morire, "ho chiarito che le conseguenze sarebbero devastanti per la Russia", ha detto il presidente degli Stati Uniti. "I rapporti tra Usa e Russia devono essere stabili", ha affermato Biden, "ho detto al presidente Putin che la mia agenda non è contro la Russia, ma a favore dei cittadini americani". Ad annunciarlo è stato il presidente russo nella conferenza stampa conclusiva. Ma uno stretto canale di dialogo si è aperto, e ora in America il timore è che la Russia possa trascinare le chiacchiere all'infinito. "Vogliamo aiutare ad agevolare gli accordi di Minsk: se Kiev è disposta a farlo, lo faremo anche noi", ha commentato Putin. I due Paesi hanno concordato di iniziare consultazioni sulla cyber-security, così come di avviare consultazioni sul futuro del trattato New START.

"Questa persona sapeva di violare una legge russa".

Biden ha dichiarato che Stati Uniti e Russia lavorano su un grosso accordo nel campo del controllo degli armamenti, inoltre che "durante l'assalto al Campidoglio i sostenitori di Trump hanno ucciso un agente della sicurezza e poi i banditi, armati, hanno marciato verso il Campidoglio", invece ufficialmente era stato stabilito che l'agente Brian Sicknick ha avuto due ictus ed è morto di morte naturale il giorno dopo i disordini. "Ho dato a Putin una lista di 16 infrastrutture critiche" che devono essere off limit da ogni forma di attacco, ha detto ancora il democratico. E sui diritti umani, dei quali si è parlato su iniziativa di Biden, Mosca non intende ascoltare lezioni, giacché "ci sono carceri della Cia all'estero dove le persone vengono torturate e la tortura non è rispetto dei diritti umani". "In Russia stiamo sviluppando il nostro percorso". A un possibile ingresso dell'Ucraina nella Nato invece si è appena accennato perché, chiarisce Putin, "su questo punto non c'è nulla da discutere".

Altre Notizie